Sarcofago dello Scriba-Sacerdote Khonsumes
 

SARCOFAGO DELLO SCRIBA-SACERDOTE KHONSUMES

Descrizione: Sarcofago in legno stuccato e dipinto proveniente da Deir el Bahri (Tebe Ovest), dono del Governo Egiziano 1893. Il sarcofago è di forma antropoide, costituito da una cassa e da un coperchio. Il coperchio mostra il defunto mummiforme, con un aprrucca tripartita striata, nastro decorato sulla fronte e orecchini circolari ai lati del volto (forse il sarcofago era destinato ad una donna ed è stato riutilizzato). Le braccia sono incrociate sul petto sopra l'ampio collare usekh decorato. Sotto il collare sono presenti due scene speculari, separate dllo scarabeo con disco solare, che mostrano il dio Osiride protetto dalle immagini di Iside alata; sotto la dea Nut inginocchiata con ali spiegate. Le gambe del defunto sono coperte da scene speculari che lo raffigurano in atto di adorare alcune divinità paricolarmente legate al culto dei morti. La cassa del sarcofago presenta all'esterno una serie di immaginidi divinità, accompagnate da formule ad esse dedicate; inoltre, durante un lavoro di restauro del sarcofago, è comparsa sul fondo della cassa una splendida immagine della dea Imentit, fino ad oggi sconosciuta. Le iscrizioni presenti sul sarcofago riportano il nome del defunto, Khonsumes, accompagnato dal titolo di "scriba dei possedimenti di Amon": Khonsumes era dunque uno dei numerosi scribi-sacerdoti che amministravano il ricco patrimonio annesso al tempio del dio Amon a Karnak. Nel 1891 fu scoperto a Tebe Ovest il secondo importante ripostiglio di Deir el Bahri, dove erano stati nascosti numerosi sarcofagi appartenenti ai grandi sacerdoti di Amon della XXI e XXII dinastia. Il Governo Egiziano donò un lotto di sarcofagi a ogni nazione che all'epoca vantasse un importante MuseoEgizio nel proprio territorio: il sarcofago di Khonsumes appartiene al lotto donato all'Italia.

Epoca: Terzo periodo intermedio, XXI-XXII dinastia.

Note: Bibliografia: Roccati, Capriotti Vittozzi 2002, p. 193 VI.32 (con bibliografia precedente); Guidotti, Tiradritti 2004, p. 213.

Altezza: 29 cm
Larghezza: 30 cm

 

Aboca Museum