facebook youtube trip advisor
 
 
 
 
 
 

L'oppio nella farmacia

Il termine oppio deriva dalla parola opos che significa succo. Infatti è il succo essiccato ricavato dall’incisione delle capsule immature delle piante di Papaver somniferum originario dell’Anatolia.
Le antiche popolazioni della Mesopotamia già conoscevano l’oppio come un sedativo e un calmante del dolore. I Sumeri definirono il Papavero da oppio come pianta della gioia ed anche gli Egizi lo usavano come rimedio contro l’insonnia.

Nel mondo classico l’uso terapeutico è documentato da diverse ed autorevoli fonti come Dioscoride, Plinio e Galeno.
L’oppio, conosciuto ed impiegato anche nel mondo arabo, nel Medioevo, in seguito alle Crociate, venne portato in Occidente ma il suo impiego rimase confinato ai rituali legati alla stregoneria.

Nell’Ottocento il commercio dell’oppio fu causa di una guerra, detta per l’appunto guerra dell’oppio, tra Cina ed Inghilterra. Agli inizi dell’800 i primi studi chimico-farmacologici su questa droga rivelarono la presenza di diversi principi attivi di fondamentale importanza terapeutica: la morfina, farmaco insostituibile come sedativo del dolore, la papaverina, utilissima contro gli spasmi coronarici, e la codeina, efficace sedativo della tosse.

 

Sitemap

 

 
Copyright © 2016 Aboca Museum
Palazzo Bourbon del Monte | Via Niccolò Aggiunti 75 | 52037 Sansepolcro (AR) Italia | Telefono +39 0575 733589 | Fax +39 0575 744724

ABOCA SPA SOCIETÀ AGRICOLA
Fr. Aboca 20 - 52037 Sansepolcro (AR) | P.I. 01704430519 | Registro imprese di Arezzo: 01704430519 | Capitale sociale: € 16.921.084 i.v.

Aboca Museum ^